domenica 4 dicembre 2016

Brioche di Natale con datteri e...



       
           Piccolo post oggi per dirvi che finalmente, anch'io, ho fatto la brioche di Natale di Paoletta. E meno male per come é andata!... perché stavo per fare un pasticcio!

            Copio la ricetta di Paoletta con le mie modifiche e vi racconto il mancato spatascio



mercoledì 30 novembre 2016

Mele Cotogne al forno squisitissime!




          Quanto è divertente girovagare sul blog di Stefano Arturi? Ebbene qualche giorno fa, in una delle mie incursioni, mi imbatto in questo post... Il nostro amico dice che vuole riscoprire il sapore puro delle cotogne, quindi le cuoce per poco tempo e con poco zucchero, ma fa riferimento a un altro metodo dove questo magnifico frutto andrebbe cotto per una notte intera fino a diventare color vinaccia!!!!

         Ovviamente io sono stata incuriosita da questo secondo metodo :D
Rispetto alle sue indicazioni ho proceduto diversamente, poichè io non ho un ristorante e non posso tenere il forno acceso durante la notte, quindi vi dico come ho fatto io





  • Ho preso 5 mele cotogne abbastanza grandi e le ho fatte cuocere per circa mezz'ora. Infilandoci uno stecco di legno erano piuttosto morbide
  • Le ho fatte intiepidire nella loro acqua e ho tagliato ogni frutto in 6 parti senza togliere il torsolo

domenica 27 novembre 2016

Miele di Mele



       Ho un'amica che adoro!!!! E' la mia spacciatrice di prodotti agricoli squisiti :)))
Se in estate ci rifornisce di pesche e percoche, ora è il tempo dei mandarini, delle cime di rapa, dei cavoli e, soprattutto, delle sue buonissime mele!!

       Ed è stata proprio lei a suggerirmi che con le mele ci si poteva fare il miele... diciamo così... o meglio una specie di vincotto, ma con le mele anzichè coi fichi.




Vi racconto come si fa e poi scrivo qualche considerazione

Miele di Mele
  • Lavare per bene le mele e tagliarle in quarti
  • Scartare solo qualche pezzo che non va, ma tenete buccia e torsolo

sabato 26 novembre 2016

Pesche Sciroppate 2

           In questo blog é giá presente una ricetta di frutta sciroppata (quindi anche pesche) e la trovate qui. Ma in quella versione si prepara uno sciroppo e si copre con quello la frutta, poi si procede alla sterilizzazione dei barattoli. 

         Questa versione é più semplice e, non avendo lo sciroppo, la frutta può essere usata per svariati usi in cucina




  • Si pulisce la frutta e simette nei boccacci. Riempirli bene
  • Si copre con 2, 3 cucchiai di zucchero
  • Si chiudono i barattoli e si sterilizza facendo bollire per 30 minuti circa. Raffreddare in acqua
        Avrei dovuto pubblicare questa ricetta tempo fa, a fine estate, ma avevo sempre cose nuove da proporre e rimandavo. Se vi piace tenetela presente per i prossimi anni ;) o usatela con la frutta di questo periodo tipo mele o pere!

           A presto!


martedì 22 novembre 2016

Oggi Santa Cecilia quindi... Pettole!




          A Taranto, il giorno di santa Cecilia, oggi, comincia il Natale. Qui a Castellaneta, nonostante sia provincia di Taranto, seguiamo le consuetudini dei baresi :)))))) e il tutto é spostato a 
S. Nicola, il 6 dicembre. Ma negli ultimi anni, lo sappiamo, si è sviluppata questa singolare tendenza ad anticipare di molti giorni le festivitá e così, visto che anche le tradizioni sono dalla nostra parte, perché non cominciare un po' prima i festeggiamenti?


domenica 20 novembre 2016

Veneziana?




        Ho trovato questa bella ricetta su you tube e ho voluto subito provarla! Fatta circa 2 settimane fa, molto buona, più facile di altri grandi lievitati che hanno un impasto poco gestibile. Ho apportato delle piccole varianti, usando miele al posto dello zucchero e lievito madre, ma resta molto simile all'originale di cui aggiungerò il link a fine post. ora, la mia versione ;)




Veneziana
La sera
1°impasto
220 g farina forte (io farina 0)
 60 g miele
 50 ml acqua
 3 tuorli
150 g lievito liquido
 60 g burro
  • É un impast semplice, unica accortezza, aggiungere il burro alla fine
  • Se usate pasta madre solida aumentate l'acqua a 90, 100 ml
  • Al posto del lievito madre potete usare una biga fatta nel pomeriggio con lievito di birra


domenica 13 novembre 2016

Torta di Mele Zvetajevsky di Giulia Nekorkina

        Avevo adocchiato questa meravigliosa torta di Giulia Nekorkina diversi anni fa e me ne ero innamorata! Intanto era molto bella a vedersi (non la mia eh! che notoriamente e per principio faccio foto brutte ;) ma la sua, davvero spettacolare! Poi c'erano ingredienti che mi piacciono sempre tanto, la panna acida alla base della crema..... insomma, tutto di mio gradimento! Ma non l'avevo an ora mai fatta finché, qualche giorno fa, complici delle mele saporitissime, mi sono cimentata :)))

          É anche piuttosto facile da preparare, quindi non avete scuse ;)




           Copio da lei, che é così chiara nelle spiegazioni, poi qualche mia considerazione


Torta di mele "Zvetajevsky"

per la base:
1 1/2 tazze di farina
1/2 tazza di smetana * (ovvero panna acida)
1/2 tazza di zucchero
150 g di burro sciolto
1 cucchiaino di lievito per i dolci

per la crema:
1 uovo
1 tazza di smetana*
1/2 tazza di zucchero
2 cucchiai di farina

1 kg di mele tipo renette

- mescolare tutti gli ingredienti per l'impastoche deve risultare morbido e per niente appiccicoso.
- il fondo dello stampo del diametro 26-28 cm coprire con la carta da forno e imburrare le pareti. Stendervi l'impasto con le mani.
- sbucciare le mele, togliere i torsoli e tagliare a fettine sottili.
- sistemarle tutte sull'impasto (non vi preoccupate, le mele non sono troppe e si possono essere adagiate anche in doppia fila)
- mescolare tutti gli ingredienti per la crema e versarla tutta uniformemente sulle mele.
- infornare a 200° per 50-60 minuti
- servire tiepida o fredda.


* significa una cosa: la smetana può essere sostituita con lo yogurt intero alla vaniglia che secondo me è molto meglio. Lo dico con certezza dopo aver provato tutte due le versioni.




Note
1. Non ho usato le renette, ma delle mele locali molto molto buone e croccanti
2. Si fa con la panna acida, Giulia suggerisce lo yogurt alla vaniglia... io ho usato uno yogurt normale fatto scolare. Il risultato mi é piaciuto molto, é davvero un ottimo dolce
3. Siccome le mele che avevo mi sembravano un po' acerbe, le ho tagliate a pezzi piccoli in modo che si insaporissero meglio, ma la torta é più bella se fate come Giulia, cioé lasciando le fette intere ;)

          Bene, mi sembra di aver detto tutto!

Alla prossima :))))

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...